segreteria.oracon@oracon.it
+39 030 3532540

controllo di gestione

Il controllo di gestione risponde al cambiamento

Pensare al futuro significa costruire un sistema di controllo di gestione che utilizza i dati passati per migliorare, in modo continuo, i risultati futuri dell’impresa. Nei sistemi aziendali, tecnologia, velocità ed efficienza sono diventati elementi critici e strutturali del lavoro di tutti i giorni.

Pensare al futuro passa dal controllo di gestione

L’azienda del futuro dovrà essere in grado di definire i propri standard, porsi degli obiettivi, misurare i concorrenti e costruire scenari di business.
Le funzioni dinamiche dei dati di Budget e Proiezioni, consentono di valutare le diverse alternative strategiche per guidare l’azienda verso le produzioni più efficienti, i clienti più profittevoli, i mercati più appetibili.
Le informazioni d’azienda assumono un concetto dinamico, modificandosi al variare delle aspettative e delle attese di business, producendo obiettivi e performance di riferimento future sulle quali confrontare le proprie idee, strategie ed operazioni.

Come comprendere finalità, contenuti e risultati dei sistemi di controllo aziendale

Ogni volta che i sistemi di controllo aziendale vengono proposti o devono essere creati, c’è sempre una certa difficoltà nel farne comprendere finalità, contenuti e risultati.
Il controllo di gestione disegna, misura e rappresenta i fatti aziendali nella sua forma più nascosta, quella che li relaziona alle cause che li hanno generati. Sempre più complicato, si potrebbe dire, troppo poco concreto. Per far comprendere quanto sia essenziale il sistema di controllo per l’azienda bisogna trovare, quindi, un modo diverso di comunicare, più diretto, più semplice.

Se per migliorare le nostre aziende e renderle più competitive sui mercati abbiamo bisogno di introdurre sistemi di controllo dobbiamo anche capire che, nel nostro compito non rientra solo l’applicazione della tecnica, ma anche l’uso di una comunicazione più capace di coinvolgere e rendere accessibile concetti che poi, così sofisticati, tutto sommato, non sono.

Proveremo a spiegare il concetto di controllo di gestione con un esempio: “Avete mai provato a volare senza ali? Senza strumenti di bordo? Senza una meta definita? Senza alcuna indicazione delle velocità di crociera, del consumo di carburante e del numero di velivoli presenti nel cielo in quel momento?” Ecco, il controllo di gestione si occupa proprio di questo: portare a destinazione l’aereo, nel minor tempo possibile, scegliendo il percorso più breve e meno costoso, rendendo l’equipaggio ed i passeggeri felici e soddisfatti.

Il nostro Studio si occupa di creare sistemi di guida aziendale affidabili, da utilizzare per minimizzare costi e massimizzare le performance del veicolo “azienda” che, però, a differenza di un aereo, ha una responsabilità molto più ampia: quella di essere una componente essenziale del benessere socio-economico di un Paese.

Volete saperne di più? Contattateci ai numeri 030. 8920686/ 030. 826811, lo Studio è a disposizione per rispondere a tutte le vostre necessità di approfondimento.

2 Responses

  1. Pingback : L'ABC del controllo di gestione (prima parte) - Oracon

  2. Pingback : Controllo di Gestione e Industria 4.0 - Oracon

Scrivi un commento