Oracon Lean segreteria.oracon@oracon.it
+39 030 3532540

scadenze fatture elettroniche

Fatture elettroniche: imposta di bollo e nuove scadenze

Come è noto, nelle fatture elettroniche, sulle operazioni non assoggettate ad Iva (se di ammontare superiore a 77,47 euro) è dovuta l’imposta di bollo. Ad esempio:

L’imposta non è invece applicata sulle operazioni relative a cessioni di beni all’estero non imponibili articolo 8, comma 1, lettere a) o b), D.P.R. 633/1972.

Scadenze per le fatture elettroniche emesse dal 1 gennaio 2021

Dal 1 gennaio 2021 il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse nel primo, nel terzo e nel quarto trimestre solare dell’anno di riferimento è effettuato entro l‘ultimo giorno del secondo mese successivo alla chiusura del trimestre (quindi 31 maggio, 30 novembre, 28 febbraio).

Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre solare è effettuato entro l’ultimo giorno del terzo mese successivo alla chiusura del trimestre (quindi 30 settembre).

Qualora l’ammontare dell’imposta di bollo complessivamente dovuta sulle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre solare dell’anno, non superi l’importo di 250 euro, il contribuente, in luogo della scadenza ordinaria, può procedere al pagamento entro il termine previsto per il versamento dell’imposta relativa al secondo trimestre solare dell’anno di riferimento (quindi 30 settembre).

Quando l’importo dell’imposta di bollo dovuta, in relazione alle fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri solari dell’anno, complessivamente considerato, non supera l’importo di 250 euro, il pagamento dell’imposta sulle fatture elettroniche emesse nei predetti trimestri può essere effettuato entro il termine previsto per il versamento dell’imposta relativa al terzo trimestre solare dell’anno di riferimento (quindi 30 novembre).

L’Agenzia delle entrate, sulla base dei dati in suo possesso, provvede, per ciascun trimestre, all’integrazione delle fatture elettroniche che non riportano l’evidenza dell’assolvimento dell’imposta di bollo ma per le quali l’imposta risulta dovuta, mettendo l’informazione a disposizione del cedente o prestatore, o dell’intermediario delegato, con modalità telematiche entro il giorno 15 del primo mese successivo alla chiusura del trimestre.

Tuttavia, se il cedente o il prestatore, o l’intermediario delegato, ritiene che, in relazione ad una o più fatture integrate dall’Agenzia delle entrate, non risultino realizzati i presupposti per l’applicazione dell’imposta di bollo, procede, entro l’ultimo giorno del primo mese successivo alla chiusura del trimestre, alla variazione dei dati comunicati, eccetto che per il secondo trimestre solare dell’anno, dove il termine è fissato nel 10 settembre dell’anno di riferimento.

In assenza di variazioni da parte del contribuente, si intendono confermate le integrazioni effettuate.

Si evidenzia che le modalità tecniche per l’effettuazione delle suddette integrazioni, della loro messa a disposizione, della consultazione e della variazione dei dati relativi all’imposta di bollo da parte del cedente o prestatore, o dell’intermediario delegato, verranno stabilite con apposito Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate.

Poi l’Agenzia delle entrate deve rendere noto al cedente o prestatore, o all’intermediario delegato, sempre in modalità telematica, entro il giorno 15 del secondo mese successivo alla chiusura del trimestre (20 settembre per il secondo trimestre). 

L’ammontare dell’imposta di bollo complessivamente dovuta sulle fatture elettroniche inviate tramite lo SdI in ciascun trimestre solare, calcolata sulla base delle fatture per le quali il cedente o prestatore ha indicato l’assolvimento dell’imposta e delle integrazioni eventualmente variate dal contribuente.

Il successivo versamento dell’imposta di bollo può essere effettuato mediante il servizio presente sul sito dell’Agenzia, nell’area riservata del soggetto passivo Iva, con addebito su conto corrente bancario o postale o tramite modello F24, utilizzando i seguenti codici tributo:

  • 2521 per il 1° trimestre;
  • 2522 per il 2° trimestre;
  • 2523 per il 3° trimestre;
  • 2524 per il 4° trimestre.

Credito per adeguamento luoghi di lavoro

Entro il 30 giugno 2021 compensazione o cessione del credito

Il credito d’imposta per adeguamento dei luoghi di lavoro, riconosciuto nel limite del 60% delle spese sostenute nel 2020, per un tetto massimo di 80.000 euro, dovrà essere utilizzato o ceduto entro e non oltre il 30 giugno 2021. (in origine, nel Decreto Rilancio, il termine era il 31 dicembre 2021.

La relativa istanza dovrà essere presentata in via telematica entro e non oltre il 31 maggio 2021 (mentre inizialmente poteva essere presentata entro il 30 novembre 2021).

Il credito è utilizzabile in compensazione (o cedibile) del giorno successivo alla corretta ricezione della comunicazione telematica, utilizzando il codice tributo 6918, anno 2021, sezione erario.

Principali scadenze fiscali del mese

  • 16 febbraio: versamento Iva mensile, ritenute, contributi, autoliquidazione Inail.
  • 28 febbraio: invio liquidazione Iva ultimo trimestre 2020.

Lo Studio è a vostra disposizione per ogni chiarimento: 030. 8920686/ 030. 826811.

Scrivi un commento